L’Africa e la Grande Muraglia Verde

L’Africa sta costruendo un gigantesco muro di alberi per combattere gli effetti del cambiamento climatico. L’iniziativa ha preso il nome de La Grande Muraglia Verde. Coprirà tutta la larghezza del continente, costeggiando l’immenso deserto del Sahara e cercando di fermarne la costante espansione.

Funzionerà? Il grande muro è davvero un’opera immensa, maestosa. Attraverserà 11 paesi, misurerà 8,000 km di lunghezza e 15 di larghezza. Fino ad oggi il Senegal ha fatto i più grandi progressi, piantando 11 milioni di alberi nel tentativo di invertire la continua desertificazione e ridare un po’ di verde a quello che un tempo non era un deserto ma una distesa rigogliosa.

Senza alberi il vento scava il suolo e lo erode giorno dopo giorno. Adesso le foglie forniscono il compost necessario, la folta chioma degli alberi trattiene l’umidità dell’ambiente e offre un po’ d’ombra.

Le piante scelte sono alberi di acacia per la loro resistenza e per l’enorme capacità delle sue radici di trattenere acqua nel suolo. Così pian piano i pozzi che erano rimasti asciutti, si sono riempiti di acqua di nuovo, e intorno agli alberi è ora possibile fare altre colture.

Il muro ha generato una intera nuova economia, dato un lavoro ben retribuito, come è giusto che sia. Ma sopratutto il fatto di aver fermato la desertificazione, ha fermato bruscamente l’espatrio di tante persone.

Prima erano costretti a migrare per non morire di fame, mentre ora basta seguire la linea del muro verde e si può trovare lavoro. Così le persone stanno rimanendo dove sono nate, sono felici e possono immaginare un futuro diverso. Le scuole si sono riempite di bambini.

Il progetto è nato nel 2007, ci si aspetta che costi 8 miliardi di dollari in totale. Mancano ancora diversi anni per il suo completamento, ma la banca mondiale, le Nazioni Unite, l’Unione africana a altri organi, hanno promesso di prestare i soldi necessari per continuare a piantare.

É un’iniziativa davvero pionieristica, sopratutto nella lotta al cambiamento climatico globale e alla desertificazione. Potrà cambiare totalmente la vita di milioni di persone se sarà completato.

Se questo progetto sarà portato a termine non solo sarà la più grande opera dell’uomo, ma sarà anche la più bella.

Tratto da: “beppegrillo.it”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.