L’Italia ed il Rugby 2.0

Non è perché l’Italia nel rugby vince talmente poco che anche quando si rischia di farlo – per una volta e contro la più forte – pensiamo di aver compiuto un’impresa mai vista: domenica 26 Febbraio 2017, nel più prestigioso stadio del rugby europeo, il Twickenham di Londra, la nazionale italiana ha mostrato per la prima volta al grande pubblico un nuovo ed efficace modo di giocare a rugby, che le ha permesso di mettere in difficoltà e a tratti ridicolizzare la nazionale più forte d’Europa, imbattuta da più di un anno e seconda nel ranking mondiale.

Questa cosa, nel rugby, non accade mai: nella storia del rugby è successo raramente che una squadra data perdente di settanta punti arrivasse giocarsela al tal punto da rischiare di vincere contro avversari di gran lunga superiori. E quanto conti essere semplicemente più forti nel rugby – quindi più preparati sia fisicamente che tecnicamente — lo dimostra il fatto che l’Inghilterra, nonostante non ci abbia capito nulla per quasi tutto l’incontro, sia riuscita comunque a vincere con uno scarto di 16 punti, dopo aver segnato sei mete e ottenuto un punto addizionale in classifica per averne segnate almeno quattro, che in sostanza è il bonus che ottiene la squadra non solo vincitrice, ma anche nettamente superiore.

Ma domenica 26 Febbraio 2017, per una volta, aver vinto nettamente una partita di rugby non è significato averla vinta con merito. Nei paesi dove si gioca a rugby non si parlava così tanto di una partita dall’incredibile vittoria del Giappone contro il Sudafrica alla Coppa del Mondo del 2015. Ma quello fu un caso isolato, di cui si conobbero le cause: la bravura di Eddie Jones, allora allenatore del Giappone, e la brutta involuzione del rugby sudafricano. Lo stesso Eddie Jones, ora allenatore dell’Inghilterra, dopo aver passato ottanta minuti nel box di Twickenham cercando in tutti i modi di evitare quella che sarebbe potuta essere la sconfitta più clamorosa nella storia dell’Inghilterra, e dopo essere riuscito a scamparla, ha criticato duramente il rugby giocato dall’Italia, congratulandosi per la sorprendente competitività della squadra ma minacciando il suo ritiro se il rugby dovesse diventare così, dicendo che quello che si era visto in campo “non era rugby”.

A Twickenham la nazionale italiana di rugby, squadra sulla carta nettamente inferiore alle altre cinque avversarie del Sei Nazioni, che dispone di giocatori meno forti, commette più errori, gioca con meno sicurezza e ha grosse difficoltà a rimanere in partita per ottanta minuti, difetti che messi insieme sono ciò che divide le squadre forti dalle altre, non solo ha giocato alla pari dell’Inghilterra per quasi un’ora – quindi alla pari con la seconda squadra più forte del mondo – ma sfruttando a proprio favore una parte del regolamento ha fatto andare completamente nel pallone gli avversari, che non si sarebbero trovati così in difficoltà nemmeno a giocare contro la Nuova Zelanda. Probabilmente solo una decina di persone fra le 80mila presenti a Twickenham hanno capito quello che stavano guardando in quel momento, e per i primi venti minuti gli spettatori sono rimasti in un silenzio che in quello stadio si sente di rado.

Ma anche chi ha visto la partita con la telecronaca ci ha messo del tempo a rendersi conto di cosa stava realmente succedendo in campo: Vittorio Munari, il commentatore tecnico italiano di DMAX – uno dei più grandi esperti di rugby in Italia – se ne è accorto quasi subito e ha cercato di farlo capire ai telespettatori urlando «non stanno rientrando nei raggruppamenti!». Un suo collega inglese, per esempio, è dovuto andare a rileggersi in diretta le regole del rugby per capirne qualcosa in più. Nel secondo tempo Munari si è messo addirittura a spiegare le regole del rugby ad alcuni tifosi inglesi seduti dietro di lui.
E non è un’esagerazione dire che in tanti non lo hanno capito, perché Dylan Hartley, il capitano dell’Inghilterra, cioè la nazione che più di cento anni fa inventò il rugby e che poi lo fece conoscere al resto del mondo, ha dovuto chiedere spiegazioni all’arbitro per capire quello che stava succedendo. Hartley ha chiesto in che modo avrebbero potuto reagire al gioco dell’Italia, ma l’arbitro gli ha risposto: «Sono l’arbitro, non l’allenatore». E senza l’aiuto del compagno di squadra James Haskell, che ha avuto l’ottima idea di spiegare all’arbitro come avevano interpretato loro quello che stava succedendo, probabilmente ci avrebbe messo ancora del tempo a capirlo. Poi i tre hanno parlato per un altro po’, e l’arbitro, sostanzialmente, gli ha spiegato alcune regole del rugby, lo sport che entrambi giocano con successo da quindici anni. Ad un certo punto l’arbitro ha dovuto spiegare le regole al 30enne capitano dell’Inghilterra cresciuto in Nuova Zelanda, un posto in cui il rugby s’impara come in nessun altro luogo al mondo, perché non stava capendo cosa stessero facendo gli italiani in campo, e soprattutto, non aveva una mezza idea di cosa fare. Ma l’Italia giocava secondo le regole.
Ora viene il bello: cos’ha fatto di preciso l’Italia?

Nei primi venti minuti della partita l’Italia ha tenuto il possesso della palla, sorprendendo chi si aspettava di vederla in difficoltà fin da subito. L’Inghilterra si è limitata a difendere, commettendo diversi falli. Poi però l’Italia ha scoperto le proprie carte, usando una tattica vista raramente nella storia del rugby moderno: solamente una volta in campo internazionale ed in alcuni spezzoni di partite fra squadre di club.
Nelle situazioni difensive, dopo che l’Inghilterra aveva cominciato ad attaccare, i giocatori italiani hanno iniziato a non rientrare nei raggruppamenti a terra per non creare la linea del fuorigioco, sfruttando alla lettera le regole che regolamentano placcaggi e ruck, le mischie aperte, quel momento in cui un giocatore viene placcato, finisce a terra e sopra di lui si forma un raggruppamento. Quel raggruppamento si chiama ruck. Infatti, perché si venga a creare una ruck (nel regolamento scritto “un ruck”), ci devono essere uno o più giocatori a contatto fra di loro sopra la palla – che deve stare rigorosamente a terra – che restano però in piedi sulle proprie gambe. L’Italia ha lasciato che il proprio giocatore placcato rimanesse a terra da solo, disinteressandosi del raggruppamento per evitare che si venisse a formare una ruck (di media in una partita se ne formano circa 200) ed il conseguente fuorigioco, cioè la linea immaginaria che divide i due schieramenti e non permette a nessuno di oltrepassarla. Così facendo gli inglesi sono rimasti spiazzati: hanno continuato a fare tutto quello che si fa solitamente in una ruck, portando almeno sei propri giocatori nel raggruppamento, ma inutilmente.
Non rientrando nei raggruppamenti e non essendoci più il fuorigioco, i giocatori italiani hanno potuto mettersi in mezzo alle linee di passaggio dell’Inghilterra, isolando Danny Care, il mediano di mischia inglese (quello che fa uscire la palla dalla ruck), che per non perdere palla e non potendola nemmeno passare ai compagni ha iniziato a buttarsi quasi alla cieca contro la linea difensiva dell’Italia.
Come si è visto in molte azioni, nessun giocatore italiano, se non quello placcato, entra nel raggruppamento. Rimangono tutti in piedi e così il mediano di mischia italiano, Edoardo Gori (numero 9 e molto forte, che non guasta) può posizionarsi davanti a Danny Care per intercettare il passaggio. In quel momento il pubblico di Twickenham inizia a contestare rumorosamente l’Italia e l’arbitro, non sapendo però che quello che sta succedendo in campo è perfettamente regolare. Nel secondo raggruppamento, invece, sembra che si stia formando una ruck, perché oltre al giocatore italiano placcato ce n’é un altro in mezzo: ma è a terra e non in piedi, e in pochi secondi riesce anche a rotolare fuori dal raggruppamento. A quel punto l’arbitro dice “tackle only”, per indicare che quella non è una ruck, e lo farà ancora molte volte nel corso della partita.
Nel proseguimento dell’azione alcuni giocatori inglesi chiedono spiegazioni all’arbitro per quello che sta accadendo, ma si sentono rispondere: «Non c’è la linea del fuorigioco. Posso capire la frustrazione, ma questo è il regolamento». Un primo chiarimento fra gli inglesi e l’arbitro è avvenuto solamente al 35mo minuto, e questo, in Inghilterra, ha generato molte polemiche sulla mancanza di leadership nella squadra, un tema a cui il rugby inglese tiene moltissimo. Fino agli ultimi dieci minuti l’allenatore Eddie Jones non ha mai smesso di dare indicazioni ai propri giocatori. E probabilmente è stata una sua idea trattenere con la forza i giocatori italiani nei raggruppamenti, di modo che si formasse finalmente una ruck e il gioco tornasse alla normalità.

Perché è potuto succedere?
Per comprendere le ragioni bisogna allontanarsi dal modo più diffuso in cui si intendono le regole degli sport principali. Le regole del rugby sono tante, complicate, e soprattutto lasciano molto spazio alle interpretazioni, perché non entrano nei dettagli dello svolgimento del gioco. Nel regolamento, infatti, si trova scritto: “E’ difficile a prima vista, per un semplice osservatore, comprendere i principi che guidano questo gioco che sembra comportare una serie di contraddizioni. Per esempio, è perfettamente accettabile esercitare una pressione fisica estrema su un avversario, con lo scopo di ottenere la conquista del pallone, ma senza intenzione di ferire l’avversario”.
Proprio per questo prima di ogni partita, giocatori e allenatori di una squadra, per non farsi trovare impreparati, solitamente devono cercare di comprendere l’atteggiamento dell’arbitrò che la dirigerà, dato che a seconda del suo modo di interpretare il regolamento può non permettere alcune cose e concederne delle altre. E questo senza mai infrangere il regolamento, ma semplicemente interpretandolo in maniera diversa.
Difficilmente l’Italia avrebbe potuto giocare così senza aver prima messo al corrente l’arbitro. E infatti lo stesso Conor O’Shea, l’allenatore irlandese dell’Italia, al termine della partita ha detto che lui e il suo staff hanno parlato con Romain Poite – che ora è diventato l’arbitro di rugby più famoso d’Europa – prima della partita, e solo dopo aver ricevuto il via libera hanno deciso di attuare le loro tattiche. Ma Poite ha permesso all’Italia di fare quel che ha fatto anche perché le linee guida della World Rugby, la federazione internazionale, vanno in quel senso lì.
Con Poite, nel corso della partita, non hanno parlato solo gli inglesi ma anche gli italiani. Sergio Parisse, il capitano, lo ha fatto per tutta la durata dell’incontro, per capire meglio come muoversi seguendo le nuove tattiche senza infrangere qualche altra regola. In questo, probabilmente, è stato aiutato dalla lingua: spesso, in presenza di giocatori inglesi nelle vicinanze, Parisse ha parlato a Poite in francese, che conosce molto bene in quanto gioca e vive a Parigi da dodici anni. In questo modo non si è fatto capire dagli avversari, dato che in Inghilterra in pochi parlano francese. Diversamente, quando gli inglesi hanno parlato in inglese all’arbitro, ad ascoltare nelle vicinanze c’era sempre l’italiano Abraham Steyn, che è sudafricano.

Domenica 26 Febbraio 2017 un po’ tutti si aspettavano una sconfitta schiacciante dell’Italia, che non vince una partita del Sei Nazioni dal 2013 e nelle prime due partite di questa edizione, entrambe perse, ha concesso 96 punti, che sono tantissimi. All’Inghilterra bastavano altre due partite vinte (ora una sola) per eguagliare il record di vittorie consecutive nella storia del rugby, stabilito dagli All Blacks nel 2016. Qualche giorno dopo la fine della partita si parla di una partita storica, anche se l’Italia ha perso. Gli artefici di tutto questo, oltre ai giocatori in campo, sono l’allenatore Conor O’Shea e i suoi assistenti, in particolare Brendan Venter. O’Shea, nelle interviste dopo la partita, ha spiegato quando gli è stata proposta l’idea di giocare così: «Contro l’Irlanda avevamo subito una situazione del genere che non era stata penalizzata, e ci aveva incuriosito. Quando Brendan Venter me l’ha proposto, mi ha detto “Non prendermi per matto, prima ascoltami”. Guardandola ho pensato “Questa cosa sembra così sbagliata che dev’essere giusta” e prima della partita ci siamo confrontati con l’arbitro. Gli abbiamo chiesto se avremmo potuto farlo e lui ci ha detto di sì».

La tattica “no ruck, no fuorigioco” messa in atto dall’Italia, infatti, non era una novità assoluta. Era stata vista per la prima volta nella metà degli anni Duemila in alcune partite disputate dalla nazionale inglese di rugby a 7, su intuizione dell’allenatore Ben Ryan. Gli Chiefs di Hamilton, fortissima squadra della Nuova Zelanda, la usano saltuariamente dal 2015 nel Super Rugby, il campionato a cui partecipano franchigie australiane, neozelandesi, sudafricane, argentine e giapponesi. Lo scorso novembre la tattica era stata usata dall’Australia nel test match di Dublino contro l’Irlanda.
Venter ha poi spiegato che il “no ruck, no fuorigioco” è stato usato dall’Italia per vincere, non per perdere con uno scarto minore: e, sempre secondo Venter, l’Italia avrebbe potuto vincere se non fosse arrivata senza energie agli ultimi dieci minuti.

Abbiamo cambiato il rugby?
Da giovane Dick Fosbury non era un atleta particolarmente dotato. Praticava il salto in alto e saltava 1 metro e 62 centimetri: doveva competere con altri che riuscivano a saltare altezze superiori ai due metri. Nonostante s’impegnasse molto, trovava particolarmente difficile il modo in cui si saltava all’epoca e cominciò quindi a provare tecniche diverse, finché capì che la migliore era saltare ruotando in aria il corpo per atterrare sulla schiena. Così Fosbury migliorò incredibilmente i propri salti, arrivando ad altezze olimpiche – sebbene nella sua carriera non stabilì mai un record del mondo: c’era gente che saltava più in alto di lui, con la “vecchia” tecnica – e attirando le attenzioni di molti. Nel 1968 vinse l’oro olimpico con un salto da 2,24 metri, che fu anche record olimpico. Saltando in quel modo riuscì a competere ai massimi livelli con atleti che fino a poco prima saltavano frontalmente rispetto alla sbarra e quaranta centimetri più in alto di lui.
Non cambiò solo questo: Fosbury cambiò la disciplina, permettendo a un maggior numero di atleti di competere alla pari. Ma dovette superare le resistenze iniziali dei suoi allenatori, degli altri atleti e delle federazioni internazionali, perché in effetti il salto in alto smise di essere il salto in alto che tutti conoscevano.

In un articolo pubblicato ieri, Planet Rugby, uno dei più seguiti e importanti siti di news internazionali sul rugby, Andy Jackson, un ex arbitro inglese, oltre a criticare duramente le parole di Eddie Jones al termine della partita, ha scritto: «Non c’è nessuna colpa in tutto questo, è pura progettazione. La bellezza del rugby risiede nelle vaste aree di grigio che si trovano tra il bianco e il nero. È un gioco per i pensatori in cui l’invenzione e l’astuta interpretazione delle regole non solo vengono ricompensate, ma sono fortemente incoraggiate». E poi aggiunge: «Se questa non è la vostra interpretazione, controllate la prima pagina del regolamento. Ammettendo che il rugby “sembra essere una massa di contraddizioni”, il preambolo continua a evocare lo spirito di William Webb Ellis [l’inventore del rugby] concludendo che “questo gioco ha trovato le sue origini in un atto di sfida coraggiosa”».

Domenica 26 Febbraio 2017 l’Italia ha capovolto le regole del rugby e ha fatto così tanto rumore perché lo ha fatto per la prima volta davanti a un pubblico composto da almeno una decina di milioni di spettatori, nel torneo più prestigioso del rugby, nello stadio di chi lo ha inventato. Oggi tutti sanno che a rugby si può giocare anche così, prima no. Ma rimangono ancora molte cose da capire. Detto di nuovo che la tattica dell’Italia – “no ruck, no fuorigioco” – è stata perfettamente regolare, sarà conveniente usarla ancora, senza l’effetto sorpresa? Per un’intera partita o solo per una parte? Le squadre avversarie troveranno modi per neutralizzarla? Cambieranno i criteri con cui valutiamo la bravura di una squadra o di un giocatore nel rugby, come è stato con il salto in alto, o le squadre oggi più forti resteranno le più forti dopo aver imparato la nuova tecnica? La discussione è aperta e oggi non può avere risposte definitive, e nel mondo del rugby se ne sta parlando moltissimo, tra giocatori, tifosi e semplici appassionati.

Tratto da: “Il Post”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.